ARMENIA - Yerevan

Viaggio nel paese delle pietre urlanti: alla scoperta del giardino dell'Eden!

  • Turismo Responsabile , Tour di gruppo (voli esclusi)
  • 8 giorni / 7 notti
  • Come da Programma

L’Armenia, culla del Cristianesimo, con i suoi cieli immensi e la sua gente accogliente, è il luogo ideale dove compiere un pellegrinaggio, un viaggio fisico e mentale, una deviazione dal percorso quotidiano della nostra vita per ricongiungersi all’essenza delle cose e al sacro. La terra in cui la tradizione biblica colloca il Giardino dell’Eden. La terra da cui, nelle giornate limpide si può perfino pensare di scorgere sull’Ararat la sagoma dell’Arca di Noè. Immersa tra i monti nel Sud del Caucaso, questo antico paese è sempre stato testimone di avvenimenti storici, paese che ha pagato lo scotto degli incontri e degli scontri tra civiltà diverse, naturale ponte tra l'Occidente e l'Oriente, tappa d’obbligo sulla via della seta.
Possibilità di itinerario di 11 giorni, chiedi al tuo Consulente Evolution Travel di fiducia!

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

PROGRAMMA DI VIAGGIO


1° GIORNO: ITALIA - YEREVAN
Partenza dall’Italia con volo di linea per Yerevan. Arrivo e trasferimento in albergo. Sistemazione nelle camere prenotate e tempo a disposizione per un breve riposo.

2° GIORNO: YEREVAN
Colazione in albergo. Giro panoramico della città. La storia di Yerevan risale all’8° secolo a.C. Della antica città è sopravvissuta solo una piccola parte. Fino a qualche anno fa l’aspetto della città era più vicino alle città sovietiche ma ora, grazie alle concezioni architettoniche moderne molti edifici sono stati trasformati. Il giro della città comprende la visita della Piazza della Repubblica, progettata con le concezioni architettoniche dello stile tradizionale e il palazzo del Governo, il Ministero degli Affari Esteri, l'Ufficio postale centrale, la Galleria d’Arte; l’Opera del teatro e del balletto, Parco della Vittoria con la statua di Madre Armenia, il Complesso sportivo e dei concerti, il ponte Kievyan, Baghramyan Avenue, il Palazzo Presidenziale, Accademia delle Scienze, il Parlamento (Assemblea Nazionale), l’Unione degli Scrittori, e il mercato della frutta, dove si può trovare la famosa frutta secca armena. Visita al Museo della Storia d’Armenia e al parco commemorativo Tsitsernakaberd con il Museo delle vittime del Genocidio armeno. Di seguito si visita ad una casa-studio di un pittore armeno, incontro con il pittore e suo figlio (sempre pittore), introduzione alla loro attività. Cena in una casa locale. Pernottamento in albergo a Yerevan.

3° GIORNO: ECHMIADZIN – ZVARTNOTS – MATENADARAN
Dopo la prima colazione partenza per Echmiadzin, centro della chiesa apostolica armena e luogo dove è nata una delle prime chiese cristiane nel mondo. Qui si trova anche la residenza del Catholicos, il capo della chiesa armena. Visita alla Cattedrale di Echmiadzin, costruita tra gli anni 301 - 303 d.C dal re armeno Tiridate III e il primo Catholicos Armeno, S. Gregorio l'Illuminatore. Possibilità di partecipare alla messa domenicale. Dopo la visita alla cattedrale, incontro con i rappresentanti di Miasnutyan Khach “Croce di Unità Armena”, un organizzazione di beneficenza locale. Rientro a Yerevan con sosta presso le rovine del tempio di Zvartnots “Tempio del Paradiso degli Angeli”, questa perla d’architettura armena fu eretta a metà del 7° secolo ed è considerata una delle meraviglie architettoniche dell’Armenia. Tradizionalmente si trova nel posto dove si sono incontrati il re Tiridate III e San Gregorio l’Illuminatore, dopo la liberazione del Santo dalla prigione. Il tempio fu distrutto da un forte terremoto nel 10° secolo, nonostante ciò le sue rovine colpiscono per le proporzioni e la ricchezza delle decorazioni scultoree. Ritorno a Yerevan per la visita a Matenadaran, qui sono custoditi antichi manoscritti provenienti da tutta Europa e dall’Asia nel corso dei secoli, è possibile ammirare anche la prima copia della Bibbia in armeno e vari Vangeli con meravigliose miniature. Sosta in un laboratorio per vedere e conoscere l'arte della creazione delle croci-pietre, tipiche del paese. In serata visita alla fabbrica dei tappeti Megerian, qui si può vedere la produzione dei tappeti in stile tradizionale armeno e in stile moderno, osservare il processo dell’annodamento dei tappeti conoscendo le tecnologie di lavorazione di tinture e materiali naturali. Si può visitare anche il museo dei tappeti antichi che hanno più di cent’anni. Tradizionale cena armena all’interno della mostra. Pernottamento in albergo a Yerevan.

4° GIORNO: KHOR VIRAP – ARENI - NORAVANK
Partenza per il monastero di Khor Virap (17° sec.), sorto sul luogo dove fu imprigionato Gregorio l’Illuminatore, prima della proclamazione del Cristianesimo come religione di stato nel 301. Dal monastero si apre una stupenda vista al Monte Biblico Ararat dove discese l’Arca di Noè. Lasciato il monastero sosta in un’azienda vinicola di Areni per una visita ai vigneti locali e e una breve degustazione dei prodotti. Proseguimento per il monastero di Noravank, un grande centro religioso e culturale del 13° sec. che si trova a 122 km da Yerevan, in un luogo inaccessibile immerso in un paesaggio stupendo. La struttura più antica del complesso monastico era la chiesa di S. Karapet (9°-10° sec.) della quale non è rimasto più nulla. Il gavit della chiesa principale risale al 13° sec. è stato costruito da Momik, uno dei più grandi architetti e scultori armeni. Rientro nella capitale. Cena presso la famiglia di un musicista armeno, suonatore di duduk, con introduzione alla sua attività creativa. Pernottamento in albergo a Yerevan.

5° GIORNO: HOVHANNAVANK – HAGHPAT – SANAHIN - ODZUN
Dopo la colazione partenza per Hovhannavank, un monastero di 13° secolo, situata sulla gola del fiume Kasagh. La parte più antica del monastero è la Basilica di San Karapet (Giovanni Battista) fondata all’inizio del 4° secolo da San Gregorio Illuminatore. Proseguimento per la regione di Lori e visita ai complessi architettonici di Sanahin (9° sec.) e Haghpat, che sono tra le opere più preziose dell’architettura medievale armena e sono iscritte nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO. I dettagli architettonici e la decorazione dei monumenti appartengono alla stessa epoca, hanno molto in comune tra loro e ci danno motivo di supporre che essi siano stati creati dagli architetti della stessa scuola. Arrivo ad Odzun. Cena e pernottamento in Bed and breakfast a Odzun, con piatti preparati e serviti dalla padrona di casa.

6° GIORNO: FIOLETOVO – GOSHAVANK – GETOK VALLEY - DILIJAN
Dopo la colazione si parte per la città boscosa di Dilijan. In Armenia c’è un detto: "Se il paradiso avesse delle montagne, boschi e sorgenti naturali, sarebbe proprio come Dilijan". Prima di arrivare a Dilijan, si fa una sosta presso il villaggio Fioletovo, abitata dalla minoranza russa «molokani». Se non è domenica è possibile fare una visita ad una famiglia locale, conoscere la vita quotidiana della gente, bere il thè dal famoso «samovar». Sulla riva a nord del fiume Agstev, si trova il monastero di Goshavank (12-13° sec), è stato fondato dal famoso personaggio medievale Mkhitar Gosh - l’autore del primo codice armeno - il monastero è noto anche per la rarissima croce-pietra armena con la tripla lavorazione della pietra. Proseguimento per il villaggio Getik, visita a Getik Valley, una fattoria locale, si può partecipare alle attività della fattoria, nutrire gli animali, mungere le mucche, partecipare alla preparazione del formaggio Motal: un formaggio caprino stagionato nel coccio prodotto tradizionalmente nella valle di Ararat. Cena rurale nella fattoria. Rientro a Dilijan.
Pernottamento in guesthouse a Dilijan.

7° GIORNO: LAGO SEVAN – NORADUZ –GARNI – GEGHARD - YEREVAN
Dopo la colazione si parte per il lago Sevan – il più grande lago alpino nel mondo. Esso comprende il 5% della superfice d’Armenia e si trova a 2000 metri sopra il livello del mare ed è considerato il secondo lago più alto del mondo. Proseguimento per Noraduz – un antico cimitero medievale, questo è il più grande cimitero di khatchk´ar in Armenia risalenti al 7-10° sec. Partenza per il Tempio Garni, è l’unico tempio pagano sia in Armenia, che nel Caucaso. Si tratta di un suggestivo monumento del periodo ellenistico e un impressionante esempio dell’architettura antica armena. È stato costruito nel 1 secolo d.C dal re armeno Tiridate I ed è dedicato al dio pagano Mitra. Dopo la proclamazione del cristianesimo come religione di Stato in Armenia nel 301, il tempio è stato probabilmente utilizzato come residenza estiva reale. A nord-est di Garni, nella valle superiore della gola del fiume Azat, c’è un magnifico monumento d’architettura medievale armeno il monastero Geghard iscritto nel patrimonio mondiale dall’UNESCO. Geghard è un altro incredibile monastero, in parte scavato nella roccia; Geghard significa lancia in armeno, proprio quella con cui hanno colpito Cristo Crocefisso. È stato l’apostolo Taddeo che l’ha portata con sé in Armenia e per tanto tempo la lancia è stata custodita in questo monastero. Rientro nella capitale. Cena presso una famiglia locale.
Pernottamento in albergo a Yerevan.
* Visita opzionale alla casa di solidarietà delle Suore Madre Teresa a Yerevan.

8° GIORNO: PARTENZA PER L’ITALIA
Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia

Il programma di viaggio può subire variazioni sia per quanto riguarda gli incontri che l’itinerario. Tali modificazioni possono essere determinate dalla momentanea indisponibilità delle comunità ospitanti o da variazioni delle condizioni sociali ed ambientali che si determinano nel momento in cui si effettua il viaggio.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo
20/09/19 / 27/09/19
Quota per persona base 2 partecipanti
€ 1190
20/09/19 / 27/09/19
Quota per persona base 4 partecipanti
€ 920
20/09/19 / 27/09/19
Quota per persona base 6 partecipanti
€ 835
20/09/19 / 27/09/19
Quota per persona base 8 partecipanti
€ 770
04/10/19 / 11/10/19
Quota per persona base 2 partecipanti
€ 1190
04/10/19 / 11/10/19
Quota per persona base 4 partecipanti
€ 920
04/10/19 / 11/10/19
Quota per persona base 6 partecipanti
€ 835
04/10/19 / 11/10/19
Quota per persona base 8 partecipanti
€ 770
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

PREZZO DEL VIAGGIO a persona, in camera doppia
La partenza è garantita anche per un minimo di 2 sole persone ed i prezzi diminuiranno via via all’aumentare del numero di viaggiatori.

I prezzi qui esposti sono stabiliti sulla base del cambio valutario: 1 eur = 1.18 usd
Una variazione significativa del cambio comporterà un necessario adeguamento come previsto dalle normative in materia.

La quota comprende:

- 5 pernottamenti in albergo a Yerevan
- 1 pernottamento in bed and breakfast a Odzun
- 1 pernottamento in guesthouse Toon Armeni a Dilijan
- Trasferimenti e trasporto come da programma
- Guida culturale parlante italiano per tutto il viaggio
- Entrate come da programma
- Master class della preparazione del formaggio locale
- Visita ad una famiglia a Fioletovo
- La prima colazione e la cena durante tutto il tour
- 1 bottiglia d'acqua minerale per giorno / a persona
- Assicurazione medico bagaglio e annullamento

La quota non comprende:
- volo aereo a/r Italia-Yerevan (a partire da circa 350 euro)
- bevande
- mance, facchinaggio ed extra di carattere personale
- tutto quanto non specificato nella voce “La quota comprende”

La cifra stabilita prevede un certo tipo di vitto e alloggio e nel caso si desiderino delle sistemazioni diverse il maggior valore sarà a carico del cliente. 

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Appunti di Viaggio

Questo viaggio propone di visitare chiese e monasteri medioevali dispersi in tutta l'Armenia che, costruiti interamente in pietra locale, emergono armoniosamente tra natura e paesaggi incantevoli. Ammireremo da vicino la bellezza mitica del biblico Monte Ararat (attualmente in Turchia come la maggior parte dei monumenti del passato), simbolo di antica sacralità per il popolo armeno. Visiteremo il Madenataran, la biblioteca che raccoglie migliaia di manoscritti preziosi miniati in tempi lontani. Si arriverà fino ad Echmiadzin, la città sacra a tutti gli armeni in quanto sede della suprema autorità della chiesa armena. Visiteremo accompagnati da un astronomo armeno l'osservatorio astrofisico di Byurakan. Scopriremo la foresta degli antichi Khatchkar, le croci di pietre originali e irripetibili, sparse qua e la nel territorio, pietre che i maestri scalpellini d’un tempo hanno trasformato in un merletto, in un tappeto, in un giardino, in un canto. Saliremo a 1900 m di altitudine sulle sponde del lago Sevan che il poeta canta ''un pezzo di cielo caduto sulle montagne''. Raggiungeremo l'osservatorio del V millennio a.C. (più vecchio del Stonhenge).

DOCUMENTI NECESSARI E INFORMAZIONI UTILI PER UN VIAGGIO IN ARMENIA


Passaporto: Per poter partecipare al viaggio è indispensabile essere in possesso del passaporto individuale (con validità minima due mesi)

Visto: dal 10 gennaio 2013 non è più necessario il visto d’ingresso per un periodo massimo di 180 giorni nell’arco di 12 mesi.

Viaggi all'estero di minori
dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, dovranno essere in possesso di passaporto individuale.

Valuta e cambio: Dal 1993 è stata messa in circolazione la valuta locale DRAM (banconote e monete). Il cambio é 1 EUR = 750 DRAM (AMD). Non c’è nessuna difficoltà per il cambio. Per le banconote in Euro si consiglia di non portare banconote strappate o incollate con l’adesivo. Si accettano carte di credito VISA, MASER, AMEX. Servizio BANCOMAT INTERNAZIONALE e l’assegno bancario presso la Midlent Bank del Gran Bretagna in Jerevan, vicino alla Piazza della Repubblica.

Norme sanitarie: Non vi sono vaccinazioni obbligatorie per entrare in Armenia. E' consigliabile portare con sé medicinali comuni contro la diarrea, antistaminici (mal di macchina) e quelli personali. Alcuni medicinali non sono in vendita in Armenia o comunque sono di difficile reperimento. Si consiglia, pertanto, a chi necessita abitualmente di farmaci specifici di dotarsi per il viaggio di una scorta di farmaci necessari.

Fuso orario: + 3 ore rispetto all'Italia.

Telefono
Prefisso dall'Italia: 00374 + prefisso della città senza lo zero (10 per la capitale e il numero dell’abbonato), per i cellulari è necessario digitare il corrispettivo dell’operatore mobile dopo il prefisso del paese. La capitale Yerevan e tutto il territorio nazionale sono coperti dal servizio di telefonia mobile GSM. Per usare il cellulare italiano in Armenia, prima di partire bisogna attivare il servizio roaming (accredito di tutte le telefonate in uscita e in entrata sul proprio conto bancario). Si possono utilizzare operatori locali (Vivacell o Armentel) acquistando facilmente una scheda telefonica in edicola o nei supermercati. Con un operatore locale chiamare all’estero il costo di un minuto é circa 0,30 cent.

Come chiamare in Armenia: dal cellulare italiano al cellulare armeno comporre 00 374 + prefisso dell’ operatore senza zero dal cellulare italiano al tel. fisso armeno comporre 00 374 + 10 + il numero del telefono· dal cellulare armeno al cellulare armeno comporre 0 + prefisso dell’operatore ( es. 93 ) + il numero del cell. ( es. 73 0737) dal cellulare armeno al fisso armeno comporre 0 + prefisso della città ( per Yerevan 10 ) + il numero del telefono. dal fisso armeno al cellulare armeno comporre 0 + prefisso dell’operatore ( es. 93 ) + il numero del cell. ( es. 73 07 37). Per chiamare in Italia dal cellulare armeno comporre 77 00 39 + prefisso della città o del cellulare + il numero di telefono

Clima e abbigliamento: l’Armenia ha un clima continentale, caldo secco d'estate e freddo asciutto d'inverno. La temperatura media d'estate si registra + 40/42 C°, con precipitazioni scarse, d'inverno - 15/19 C°. L'altezza media dalla superficie del mare è di m. 1800. Sono forti le escursioni termiche fra giorno e notte. Consigliamo quindi di avere un’aggiunta al guardaroba d’indumenti caldi. Portate scarpe comode per trekking, occhiali da sole e crema protettiva.

All'uscita: I turisti possono esportare dall'Armenia souvenir, oggetti d'artigianato, brandy, vodka, vino. Coloro che acquisteranno tappeti dovranno avere una fattura del commerciante, attestante che il tappeto non sia antico altrimenti bisogna munirsi di un permesso speciale e versare la tassa governativa applicata “per l’esportazione di valori artistici”.

Cine e Foto: In Armenia non esistono limitazioni per riprese cine e foto, si possono usare tranquillamente qualsiasi apparecchiatura. Per fotografare soggetti militari è consigliato chiedere alla guida.

Acquisti: L’artigianato in Armenia è molto vario e alla portata di tutti: dai piccoli oggetti di ferro battuto, ottone, rame ai merletti, tessuti, pietre preziose come l’ossidiana, oggetti d’oro in argento. Gli acquisti più importanti in ogni caso sono i tappeti, il brandy, il cognac, la vodka, la grappa di Karahundj di gelso, di albicocche, i vini (Areni, Hrazdan, Getap, Arevshat), la frutta condita, secca, i libri d’arte.

La cucina: La cucina tradizionale armena è la più antica tra le cucine mediorientali. La base delle ricette armene è sempre costituita dai più semplici ed originali prodotti della terra e dell’attività pastorizia. Di grand’uso sono le verdure crude e lesse, i cereali, la carne suina e bovina. Particolarmente saporito il pane (lavash). La tavola è sempre fornita di un vasto assortimento di antipasti di verdure, salami, formaggi che sostituiscono il primo piatto. Il piatto principale è di carne servito con contorni vari. Il tutto è accompagnato d’acqua minerale naturale molto pregiata (Djermuk, Bjni), vino, vodka e cognac. Eccezionali i dolci a base di miele, noci e frutta secca. Molto buona la frutta coltivata in maniera biologica. Vale la pena assaggiare il gelso bianco e rosso appena raccolto. Il caffè è preparato all’orientale e comporta il fondo dopo il consumo.

Taxi: Si può fermare qualsiasi taxi libero per strada alzando una mano. A Yerevan sono attive diverse cooperative di tassisti che effettuano il servizio con macchine private senza segni d’indicazione. In ogni caso la ricevuta non è lasciata per mancanza di sistemi elettronici a bordo. Il percorso breve di circa 10/30 minuti costa circa 3 - 5 euro. La mancia non è obbligatoria ma consigliata.

Religione: cristiana apostolica, detta anche “gregoriana”, ma vi sono anche minoranze di cattolici, protestanti, musulmani e testimoni di Geova.

Lingua: la lingua ufficiale è l’armeno. Il russo è lingua veicolare. L’inglese è conosciuto a Jerevan soprattutto nei locali frequentati da stranieri.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!